Entra in Regione

 
URP - La Regione in linea
 

piano casa: incontro a villa umbra

  • email
  • facebook
  • twitter
  • share this
  • Stampa
  • Pagina precedente

(agenzia umbria notizie) - Perugia, 3 mar. 011 - "Con il nuovo Piano casa la Regione Umbria ha voluto incentivare innanzitutto il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente attraverso strumenti adeguati, innovativi  e consoni alle peculiarità del territorio umbro, ma ha anche voluto assicurare una coerente e univoca interpretazione delle norme in tutti i Comuni, al fine di evitare lungaggini e incomprensioni tra pubblica amministrazione, professionisti ed operatori del settore". Lo ha affermato   l'assessore regionale all'urbanistica, Silvano Rometti, in apertura di un incontro dal titolo "La nuova normativa regionale per il rilancio dell'economia attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente "Piano casa" e la certificazione della sostenibilità ambientale degli edifici. All'iniziativa, che  si è svolta a Villa Umbra (Perugia), in collaborazione con la Scuola Umbra di Pubblica Amministrazione, erano presenti i tecnici dei Comuni umbri ai quali, oltre alla presentazione delle nuove regole introdotte dalla l.r. 27/2010, sono state illustrate le schede tecniche relative a specifiche casistiche in cui è possibile applicare le premialità introdotte per l'ampliamento e la riqualificazione degli edifici esistenti destinati alla residenza, alle attività produttive e ai servizi.

L'occasione ha permesso anche la diffusione della raccolta delle norme collegate al "Piano casa" e all'edilizia sostenibile, pubblicate nel Bollettino Ufficiale del 2 marzo 2011, proprio con l'intento di dare il più ampio impulso alla ripresa del settore edilizia con la massima divulgazione, anche in forma semplificata, di tutte le norme collegate e dei procedimenti messi in campo dalla Regione per favorire la riqualificazione del patrimonio edilizio.

 "La  nuova legge - ha precisato l'assessore Rometti -  oltre a prorogare a tutto il 2012 il termine per presentare ai Comuni le istanze e avvalersi delle premialità previste, ha innalzato anche le percentuali di premio estendendo anche al territorio agricolo la possibilità di poterne usufruire. Inoltre, ha fissato premialità aggiuntive per gli interventi di demolizione e ricostruzione, soprattutto se è previsto il totale smantellamento delle coperture in eternit, ha previsto la bonifica di siti inquinati, l'installazione sui tetti di pannelli fotovoltaici e, per le aree residenziali, permette la realizzazione di spazi per la prima infanzia".

  L'assessore ha precisato che "le innovazioni per gli edifici residenziali che ricadono nel territorio agricolo consentono, per quelli esistenti prima del 1997, l'ampliamento di 100 mq. anche nel caso che la superficie complessiva dello stesso edificio ecceda il limite di 450 mq. e quindi derogando alla l.r. 11/2005. Ora, la possibilità di ampliamento è estesa anche alle abitazioni realizzate nelle zone agricole successivamente al 1997, consentendo un ampliamento del 25per cento della superficie fino ad 80 mq, in deroga alle normative vigenti".

Per quanto attiene invece al settore delle attività produttive e di servizio, il nuovo "Piano casa" estende la possibilità di applicazione anche agli esercizi commerciali, ai servizi e alle attività turistico-ricettive che potranno arrivare fino al 60 per cento di Superficie utile coperta (SUC) aggiuntiva.

In conclusione dell'incontro l'assessore Rometti ha ringraziato anche la Scuola di Pubblica Amministrazione che "con queste iniziative contribuisce a divulgare l'azione della Giunta regionale e, soprattutto, ad attivare un confronto tra chi le norme le predispone e chi dovrà applicarle".